IBIS VIAGGI E TURISMO

Vai ai contenuti

Menu principale:

VIAGGENDARIO

MESE DI



In Europa il freddo, le intemperie e le basse temperature rendono disagevole l'esplorazione di qualsiasi meta. Le destinazioni preferite per gli sciatori sono le Alpi e i Pirenei: il ponte dell'Epifania è da preferire a quello di Capodanno sia per l'innevamento relativamente maggiore che per i prezzi migliori. Ma non vanno sottovalutati il sud della Spagna (Andalusia) col suo timido ma rispettabile sole invernale, e le isole Canarie, dove però bisogna tener conto che l'acqua dell'Atlantico è decisamente fresca.

In Asia la stagione è favorevole: Thailandia, Vietnam, la Cina meridionale (non quella settentrionale dove in inverno il gelo è sovrano), Myanmar e l'India offrono sole, temperatura piacevoli e basso afflusso turistico. I prezzi si sono già sgonfiati rispetto ai giorni di fine anno. Ottima la Malesia peninsulare occidentale compresa l'isola di Tioman, ma non la costa est perché soggetta a violenti acquazzoni. Nella penisola arabica siamo nella stagione ottimale per un tour dell'Oman o per crociere negli Emirati Arabi.
L'Africa del Nord è raccomandabile per visitare il deserto del Sahara, (in questo mese vi si svolgeva sempre la Parigi-Dakar!), dove però sono frequenti forti sbalzi di temperatura nelle ore notturne, ed alcuni hotels potrebbero non avere un adeguato sistema di riscaldamento. La costa è da evitare anche per la notevole ventilazione. Molto meglio più a sud: in Kenya, Tanzania o Sud Africa si raggiungono spesso alte temperature. Sono da evitare Reunion e Madagascar dove la stagione dei cicloni è al massimo (benché a Mauritius, nonostante la piovosità, da Novembre in poi le temperature sarebbero le migliori per godersi un soggiorno balneare). Le Seychelles ricevono più pioggia degli altri mesi, ma il rinvigorire della natura ripaga a pieno i fortunati visitatori. Le isole Maldive sono al top di afflusso e di condizioni meteorologiche (lo si intuisce dai prezzi alti).
In Canada e negli Stati Uniti l'inverno è molto più severo del nostro (fanno eccezione i parchi nazionali  e il Midwest che possono essere visitati senza dover sopportare l'atroce calura estiva). In Centro America (Messico, Caraibi) l'inverno caraibico è meraviglioso mentre in Argentina, Brasile e Cile siamo in piena estate (ed anche in pieno afflusso turistico). Fa eccezione il Peru (nel gennaio 2010 diversi turisti sono stati sorpresi da disastrose inondazioni fin sul Machu Pichu).
L'Australia centro-meridionale gode in questo mese dello stesso clima dell'Africa tropicale (anche 40° a Melbourne): il 26 Gennaio si celebra l'Australia Day (che però gli aborigeni chiamano Invasion Day!) e gli spettacoli pirotecnici di Sydney o di Perth sono davvero imperdibili. Di contro nei parchi australiani del Nord (Kakadu) e sulla Barriera Corallina è stagione di piogge, così come nella vicinissima Indonesia. In Polinesia il rischio generico di cicloni va da Gennaio ad Aprile, ma non è sistematico come nella estate caraibica, visto che le ultime tempeste di seria violenza si sono verificate a 12-15 anni di distanza l'una dall'altra (però sempre negli stessi mesi). Anche alle Fiji, a Tonga e nelle Isole Cook la stagione delle piogge va da Dicembre ad Aprile. Per chi ha tempo (e soldi) si consigliano le Crociere al Polo Sud.


MAURITIUS

NUOVA ZELANDA

BOTSWANA  *  

REUNION

AUSTRALIA SUD

ECUADOR  *

COMORES

COSTA RICA

GALAPAGOS  *

MADAGASCAR

MALDIVE

KENYA  *

PERU

SEYCHELLES

MALAWI  *

AUSTRALIA NORD

SINGAPORE

MAROCCO *

MEDITERRANEO

HONG KONG

NEPAL  *   

 

MALESIA

SUD AFRICA  *

 

CARAIBI

TANZANIA  *

 

ARGENTINA

INDIA  *

 

BRASILE

ETIOPIA  *

 

THAILANDIA

HAWAII  *

 

CROCIERE AI CARAIBI

SVEZIA  *

 

CINA NORD  *

 

CROCIERE ANTARTICO  *

Torna ai contenuti | Torna al menu