IBIS VIAGGI E TURISMO

Vai ai contenuti

Menu principale:

IL VIAGGENDARIO



IL “VIAGGENDARIO”

 “Il mondo è bello perché è vario”. Non sappiamo di chi sia questo aforisma, ma di sicuro corrisponde a verità. Infatti è in primis l'esotismo (inteso come attrazione verso la diversità, o conoscenza di realtà diverse) a risvegliarci la voglia di viaggiare e di scoprire prima o poi le “mete da sogno” che ognuno ha in cuor proprio.
 Una volta stabilito di intraprendere un viaggio, uno dei fattori maggiormente vincolanti, oltre alla disponibilità economica, è il periodo dell'anno che si ha a disposizione; allora come ci si può orientare nella scelta della destinazione limitando al massimo il rischio di dover fronteggiare dei disagi all'estero, invece di fruire degli agi che ognuno può godersi a casa propria senza spendere alcunché?
 In questa sezione cerchiamo (a grandi linee, e senza pretese di verità assoluta) di agevolare la scelta del viaggio in base alle informazioni raccolte in più di 30 anni di esperienza personale, alle linee guida della geografia turistica classica e della climatologia (media statistica), e ad alcune preziose segnalazioni di colleghi e clienti affezionati che hanno piacevolmente contribuito con le loro esperienze dirette ad arricchire questo piccolo compendio.
 Il “Viaggendario” (neologismo da noi simpaticamente coniato) è quindi un possibile calendario dei viaggi, una sorta di configuratore tascabile delle partenze ed ottimizzatore delle vacanze open-source (anche i visitatori del sito potranno segnalarci aggiornamenti o sottoporci migliorie da valutare), e va integrato con un minimo di conoscenza geografica, ma soprattutto con una attenta riflessione sulle seguenti tematiche:

 Il
CLIMA è in costante ed imprevedibile evoluzione sia a causa dell'impatto umano che di ciclicità epocali, (ad esempio: negli ultimi 2 capodanni passati alle isole Maldive è piovuto per giorni interi, pur non trattandosi di stagione umida, e a costi proibitivi), per cui le nostre segnalazioni climatiche seguono in generale una statistica degli ultimi 40-50 anni. Oltre a ciò alcune destinazioni (ad es. Australia, Cina, India, USA, ecc.) sono talmente vaste da comprendere al loro interno diverse aree climatiche spesso molto differenti, e questo va tenuto presente soprattutto per la programmazione di alcuni tours che attraversino queste varie fasce.
 In sostanza non esistono né un mese ottimale per tutte le destinazioni del mondo, né  una precisa destinazione “jolly” godibile a pieno in ogni periodo dell'anno. Attenzione quindi ai cosiddetti “viaggi combinati” (USA + Polinesia, Polinesia + Australia, USA + Caraibi, Sudafrica + Mauritius, Giri del Mondo. ecc.) che devono essere calibrati secondo il mese di effettuazione.

 L'evoluzione della
POLITICA mondiale (sconvolgimenti, sommosse, elezioni, manifestazioni, probabilità di atti terroristici, ecc.) vanno tenuti costantemente sotto controllo prima di progettare un viaggio a prescindere dalla stagionalità migliore. E attenzione alle condizioni delle polizze assicurative di viaggio: alcune escludono proprio gli eventi politici!

Alcune
FESTIVITA' nel mondo (Feste Religiose, Celebrazioni di Indipendenza, ecc), come anche eventi sportivi o fieristici, elezioni politiche programmate, possono interferire col palinsesto prefissato dei tours e con la qualità dei servizi. Si veda in proposito la variabilità anno per anno, secondo il calendario islamico, del periodo del Ramadan nei paesi a maggioranza musulmana, durante il quale tutti i fedeli durante le ore di luce osservano un regime di relativa astinenza anche da attività lavorative. (Ad esempio: nel 2017 il Ramadan durerà dal 27 Maggio al 25 Giugno, ed il Capodanno Lunare Cinese - detta anche Festa della Primavera - cadrà il giorno 28 Gennaio 2017).

L'
EPIDEMIOLOGIA, l'incidenza di alcune malattie endemiche, e le nuove possibili pandemie, sono discriminanti sempre variabili ma imprescindibili per una scelta relativamente sicura della destinazione di un viaggio. A questo proposito anche la valutazione del proprio medico curante sarà di primaria importanza.

La
SISMICITA' e il VULCANISMO che caratterizzano molte zone del mondo, oltre ad essere scientificamente accertati da tempo, sono purtroppo subdoli proprio perché non sempre conclamati o prevedibili. Dell'esistenza di queste zone a rischio bisogna quindi tenerne conto.

La
STAGIONALITA' TARIFFARIA tiene conto sia dell'Alta Stagione nella destinazione scelta (che quindi sarà verosimilmente piena di turisti), sia dell'Alta Stagione della nazione di partenza. Ad esempio: un passaggio aereo per l'Argentina in Agosto costa moltissimo, nonostante laggiù sia inverno, ma solo perché in Agosto è Altissima Stagione in Italia per la consuetudine di prendere le ferie in quel periodo, e il mercato si adegua al rialzo della domanda. Lo stesso dicasi per i prezzi alti dell'area caraibica dove è notoriamente alto il rischio di uragani proprio nel periodo dell'estate italiana. Un esempio inverso: nelle grandi capitali europee esistono forti sconti per soggiornarvi in Agosto, sia per l'assenza di manifestazioni fieristiche, sia perché anche chi vi abita va in ferie, e le strutture in una città svuotata agevolano il flusso turistico in entrata abbassando i prezzi. Di contro le tariffe aeree con partenza dall'Italia lievitano per il classico motivo sopra esposto delle solite ferie italiane di massa. Quindi la convenienza tariffaria va valutata caso per caso, poiché le combinazioni possono essere molteplici. In generale, è sempre conveniente prenotare con largo anticipo!

Alcuni
VIAGGI TEMATICI, (fiere, expo, terme, diving, naturalistici, sportivi, safari, caccia, pesca, osservazione di fenomeni astronomici, o altro), vanno effettuati in stagioni precise, mentre altri (visita di città, week-end, parchi a tema, beauty farm, pellegrinaggi e viaggi di nozze in genere) possono essere intrapresi in qualsiasi periodo, ma sempre con un occhio alla storia climatica delle destinazioni!

La
CONDIZIONE FISICA e lo spirito di adattamento di ogni viaggiatore vanno valutati attentamente per ciascuna destinazione: il jet lag causato dai lunghi viaggi aerei e le mete con forti sbalzi termici/igrometrici o lunghi soggiorni a quote elevate (come ad esempio il Tibet, il Peru o la Bolivia) non sono consigliabili a tutti (in particolar modo ai bambini, agli asmatici e ai cardiopatici!). Allo stesso modo occorre considerare la scarsa reperibilità di particolari farmaci o la mancanza di adeguate strutture ospedaliere in tantissime parti del mondo. E, a proposito della salute e della sua tutela, è bene informarsi in quali nazioni vige il divieto di fumo anche all'aperto; si eviteranno così brutte figure e ne guadagnerà anche il portafoglio!

Senza perdersi d'animo, se è proprio vero che il mondo è bello perché è vario, il “Viaggendario” può aiutare ed assistere il viaggiatore indeciso o poco esperto. Ma è una serie di consigli da considerarsi valida e utile solo se integrata con un'attenta e costante disamina delle contingenze mondiali: a questo proposito, è bene riferirsi direttamente a noi per una consulenza  personalizzata, oppure approfondire personalmente le tematiche ritenute di particolare interesse riferendosi ai collegamenti presenti nella pagina dei LINKS UTILI di questo sito.


CLICCA SU OGNI MESE PER CONSULTARE IL VIAGGENDARIO:

Torna ai contenuti | Torna al menu